Archivi tag: Nineteenth-Century

Informare. Lo sguardo (in)discreto delle autorità sui fenomeni politici, economici e sociali tra Otto e Novecento

Call for papers

Informare. Lo sguardo (in)discreto delle autorità sui fenomeni politici, economici e sociali tra Otto e Novecento

Convegno internazionale
Pisa, 14-15 dicembre 2023

Il convegno, promosso dalla Società per gli studi di Storia delle Istituzioni, nasce dalle prime suggestioni emerse nell’ambito di due progetti di ricerca condotti presso l’Università di Pisa (Le sfide della statualità contemporanea. Governo, cittadinanza e conflitti tra poteri) e
l’Università degli studi di Napoli Federico II (SECRET. Spies in European Culture between Reality and Tales).
Il generale obiettivo dell’incontro consiste in una prima riflessione sistematica sulla storia istituzionale europea intorno alla complessa e variegata congerie di attività di “informazione” compiute dai molteplici attori istituzionali nel periodo compreso tra l’età napoleonica e il
secondo dopoguerra.
La nozione di “informazione” rappresenta volutamente una categoria interpretativa ampia e priva di rigidi confini, in modo da porre sotto esame le molte rilevanti attività di raccolta e produzione di informazioni, di natura assai differente, che caratterizzarono l’azione delle autorità. Basti ricordare l’opera di intelligence e di prevenzione, sia all’estero che entro il territorio nazionale, ma anche di ricognizione, di analisi e di studio non legata alle esigenze di politica estera e/o di tutela dell’ordine pubblico, come quella dedicata ai fenomeni economico-produttivi, sociali, culturali e politici.
Come noto, nell’Europa otto-novecentesca, il potenziamento dell’azione statuale e il conseguente rafforzarsi degli apparati burocratico-amministrativi determinarono una crescente produzione di informazioni da parte delle autorità pubbliche, sia a livello centrale che periferico. La messa a punto di nuovi sistemi a ciò deputati era funzionale a più
pervasive prerogative di governo, ma non sempre in grado di decifrare e ricomporre in maniera esaustiva gli aspetti meno formalizzabili della fisiologia sociale. La tensione fra modelli codificati e ineludibile discrezionalità delle informazioni ufficiali costituisce una delle
chiavi ermeneutiche su cui il convegno vuole gettare luce, facendo emergere elementi di complessità e di possibile conflitto tra i diversi livelli del processo di governance.
In quest’ottica, particolare attenzione potrà essere dedicata al peso che anche le prassi e i processi non formalizzati ebbero nel quadro più generale dello sforzo informativo delle autorità. Si auspica l’opportunità di ospitare studi dedicati a singoli casi nazionali, oppure di
carattere comparativo, in modo da evidenziare differenze, analogie, ibridazioni e mutuazioni quantomeno su scala europea. Un elemento di orientamento comune ai contributi sarà rappresentato dall’individuazione di specifiche tipologie di fonti documentali da analizzare, considerate ovviamente nella loro evoluzione all’interno dell’arco cronologico individuato.
Su questa linea, si accoglieranno contributi che intendano indagare alcuni aspetti di interesse, quali:

– Le funzioni di informazione, di polizia e di controllo esercitate dalle autorità pubbliche, anche con riguardo alle nuove politiche di classificazione della cittadinanza.

– La raccolta, la produzione e l’analisi delle informazioni da parte delle istituzioni, tra centro e
periferia, su aspetti economico-produttivi, sociali, culturali e politici.

– L’evoluzione della cultura della sicurezza e del “segreto”, e gli strumenti istituzionali
perfezionati per metterla in atto in modo più efficace.

– La gestione delle informazioni raccolte, tanto a livello di governance che sul piano della comunicazione mediatica, e lo sviluppo di un sapere burocratico ad essa connesso

Le proposte d’intervento potranno essere presentate in italiano, in inglese o in spagnolo, inviando ad Alessandro Breccia (alessandro.breccia@unipi.it) un abstract di 400 parole
circa, corredate da indirizzo e-mail di contatto e da un brevissimo profilo biografico, entro il 20 aprile 2023.
L’esito della selezione delle proposte sarà comunicato entro il 7 giugno 2023. I contributi scientifici più significativi saranno pubblicati in un volume collettaneo. Le spese di soggiorno dei relatori saranno a carico dell’organizzazione del convegno.

Comitato scientifico e organizzatore: Marcella Aglietti (Università di Pisa); Alessandro Breccia (Università di Pisa) Giacomo Demarchi (Università di Pisa); Laura Di Fiore (Università di Napoli Federico II); Antonella Meniconi (Università di Roma La Sapienza); Marco Meriggi (Università di Napoli Federico II); Giovanna Tosatti (Società per gli studi di Storia delle Istituzioni)

Crossing the Border/Passare il confine (Bressanone, 1-3 dicembre 2022)

Si segnala il convegno internazionale:

Crossing the Border/Passare il confine
Illicit crossings, controls, strategies (16th-19th centuries)
Attraversamenti illeciti, controlli, strategie (secoli XVI-XIX)


1-3 dicembre 2022
(Facoltà di Scienze della Formazione della Libera Università di Bolzano, sede di Bressanone)

Il convegno internazionale Crossing the Border/Passare il confine. Illicit crossings, controls, strategies (16th-19th centuries)
Attraversamenti illeciti, controlli, strategie (secoli XVI-XIX) è organizzato dal Centro di competenza Storia regionale della Libera Università di Bolzano e dall’Associazione “Geschichte und Region/Storia e regione”

Si potrà partecipare ai lavori del convegno anche online, previa registrazione entro le ore 12.00 del 30.11.2022 a questo link.



Program ǀ Programma

Thursday ǀ Giovedì 1.12

9.00-9.20: Francesca Brunet (Bozen-Bolzano), Greetings and Opening ǀ Saluti e apertura

Panel 1
Subversives, revolutionaries, political exiles ǀ Eversivi, rivoluzionari, esuli politici

Chair: Oswald Überegger (Bozen-Bolzano)

9.20-10.00: Sydney Watts (Richmond), Troubles in the French Borderlands: Policing Secret Agents during the French Revolution

10.00-10.40: Emilio Scaramuzza (Milano),Risorsa, minaccia o solo un problema di polizia? Gli esuli veneti in Lombardia dopo Villafranca

10.40-11.10: Francesca Frisone (Messina), La costruzione del nemico nell’Italia liberale (1862-1892): la sorveglianza degli stranieri nelle provincie meridionali

11.10-11.40: Coffee break ǀ Pausa caffè

Panel 2
Bandits ǀ Banditi

Chair: Oswald Überegger (Bozen-Bolzano)

11.40-12.20: Idamaria Fusco (Roma), Confini “fragili” e attraversamenti illeciti nell’Abruzzo della seconda metà del Seicento. Il banditismo tra strategie e controllo

12.20-13.00: İbrahim Hamaloğlu (Izmir), “Consider these mountains as a real impassable border and never come here again”. A Big Problem Between the Authority and the Local People: Banditry in the Mountains of Izmir at the 19th Century

13.00-14.40: Lunch break ǀ Pausa pranzo

Panel 3
Clandestinians, deserters, vagrants, undesirables ǀ Clandestini, disertori, vagabondi, indesiderati

Chair: Siglinde Clementi (Bozen-Bolzano)

14.40-15.20: Alexandr Osipian (Berlin), How could children and women cross the borders illegally in early modern Eastern Europe: practices and strategies

15.20-16.10: Laura Di Fiore (Napoli), Spaces of security, geographies of perception, illicit movements. On the border of Southern Italy (1815-1861)

16.1016.40: Torsten Feys (Oostende), The illusion of border control? Monitoring foreigners in Belgium and preventing the entry and stay of undesirables 1830-1914

16.40-17.10: Coffee break ǀ Pausa caffè

17.10-17.50: Serhiy Choliy (Kyiv), The deserters from the Habsburgs’ army in Russia 1868-1914: the mechanisms for lawful and unlawful border crossing in East-Central Europe of 19th century

17.50-18.30­: Francesca Brunet (Bozen-Bolzano), “Amico del povero, nemico del vagabondo!”. Vagabondaggio e trasporti forzati ai confini dell’impero austriaco

Friday ǀ Venerdì 2.12

Panel 4
Coasts, seas, ports ǀ Coste, mari, porti

Chair: Michaela Oberhuber (Bozen-Bolzano)

9.00-9.40: Mario Sanseverino (San Marino), Fughe di schiavi e attraversamenti illeciti nel Mediterraneo moderno

9.40-10.20:Hannes Ziegler, Temporary instruments of government: Agents of coastal enforcement in eighteenth-century Britain

10.20-11.00: Lucia Carminati (Oslo), Illegal and Invisible along the Suez Canal, 1859-1900: Border-Crossing and the Redefinition of Mobility

11.00-11.30: Coffee break ǀ Pausa caffè

Panel 5
City boundaries ǀ I confini della città

Chair: Michaela Oberhuber (Bozen-Bolzano)

11.30-12.10: Francesca Ferrando (Genova-Verona), Confini e povertà. Funzionamento e limiti del controllo del pauperismo nella Repubblica di Genova (XVI-XVIII)

12.10-12.50: Anton Tantner (Wien), Control and protest while entering Vienna, 1700-1900

12.50-14.40: Lunch break ǀ Pausa pranzo

Panel 6
Sanitary borders ǀ Confini sanitari

Chair: Franziska Cont (Bozen-Bolzano)

14.40-15.20: Livio Antonielli (Milano), La gestione dei confini sanitari nello Stato di Milano (XVII-XVIII sec.)

15.20-16.00: Sven Dittmar (Mainz), Disease control in the early 18th century and (its) limits

16.00-16.40: Francesco Bartolini (Macerata), Sorvegliare i confini sanitari nello Stato pontificio della Restaurazione

16.40-17.10: Coffee break ǀ Pausa caffè

Panel 7
Porous borders ǀ Confini porosi

Chair: Franziska Cont (Bozen-Bolzano)

17.10-17.50: Ralph Göring (Halle-Wittenberg), Borderlands Agents – British Intervention in the Northwest Indian War (1783-1795)

17.50-18.30: Narcisse Kaze (Yaoundé), Border transgression among pre-colonial Cameroon Grassfields states, ca. 1800-1884

Saturday ǀ Sabato 3.12

Panel 8
Goods and animals ǀ Merci e animali

Chair: Francesca Brunet (Bozen-Bolzano)

9.00-9.40: Claudio Lorenzini (Mendrisio), «Per haver più fresco pascolo». Gli attraversamenti illeciti degli animali negli alpeggi del Canal del Ferro e della Valcanale in età moderna

9.40-10.10: Maximilian Scholler (Regensburg), Goods at the Border. The Holy Roman Empire’s Trade Barrier against France in 1689 and its Consequences

10.10-10.40: Coffee break ǀ Pausa caffè

Panel 9
Knowledge ǀ Saperi

Chair: Francesca Brunet (Bozen-Bolzano)

10.40-11.20: Simona Feci (Palermo), Esportare saperi occulti. Ricette, commerci e uso di veleni tra reti femminili e reti conventuali in età moderna (XVII secolo)

11.20-12.00: Mario Grassi (San Marino), “Prestar le loro opere in stati allieni”. Confini, genere e know-how nella messa a punto della trattura alla piemontese

12.00-12.20: Siglinde Clementi (Bozen-Bolzano), Conclusions ǀ Conclusioni

12.20-13.00: Final discussion ǀ Discussione finale

With simultaneous translation English-Italian ǀ Con traduzione simultanea inglese-italiano



Organisers ǀ Organizzazione: Francesca Brunet, Siglinde Clementi

Competence Centre for Regional History, Free University of Bozen-Bolzano ǀ Centro di competenza Storia regionale, Libera Università di Bolzano

Associazione ǀ Association “Geschichte und Region-Storia e regione”



The conference is open to the public and accessible also online. Registration available until 30.11.2022, 12 a.m.

Il convengo è aperto al pubblico e accessibile anche online. Registrazione disponibile entro il 30.11.2022, ore 12.00.

Link: https://unibz.ungerboeck.com/PROD/emc00/PublicSignIn.aspx?&aat=ii51jq6KrH674FUQsVscIsk3iTRj1EpuOyH9Zca9s5o%3d

Informazioni ǀ Informations:

Competence Centre for Regional History ǀ Centro di competenza Storia regionale

Free University of Bozen-Bolzano ǀ Libera Università di Bolzano

via Dante 4  39042 Brixen-Bressanone +39 0472 014050 regional.history@unibz.it www.unibz.it

Regimi punitivi, “Meridiana”, 101 (2021)

Si segnala la pubblicazione del numero tematico di «Meridiana. Rivista di storia e di scienze sociali» incentrato sui regimi punitivi, ossia sull’insieme di pratiche, norme e istituzioni che prendono parte al processo di definizione, costruzione e repressione dei comportamenti «devianti».

Link al sito: https://www.viella.it/rivista/9788833138589

I contributi raccolti in questo numero mettono in luce le coesistenze, ma anche le significative trasformazioni che le configurazioni punitive hanno subito tra il XIX secolo e i giorni nostri.


L’indice del numero tematico:

Chiara Lucrezio Monticelli, Christian G. De Vito, Pluralità dei regimi punitivi: periodizzazioni, circolazioni, modelli cattolici 

1. Questioni di periodizzazione tra pena e società

2. Il «caso italiano» in contesto

Mary Gibson, The Everyday Life of Inmates: Alternative Sources for Italian Prison History

1. Prison Statistics

2. Prisoner Culture

3. Conclusion

Ludovic Maugué, 41 Embrun 1800-15: la prima maison centrale francese tra imperativi securitari e logiche economiche

1. Basi della struttura carceraria: principi fondamentali e applicazioni penali molto approssimative

2. Improvvisare una manifattura carceraria nel cuore delle montagne

3. Capitalisti nella prigione

4. Il laboratorio carcerario di Embrun: tra logica peniten­ziaria, imperativi di sicurezza e razionalità economica

Francesco Saggiorato, Incarcerare le popolazioni mobili: identificazione, scarcerazione ed espulsione nella Toscana napoleonica

1. Lavoratori stagionali o vagabondi? Le aporie dell’identificazione e le pratiche di scarcerazione

2. Le condizioni dei detenuti e l’ordinamento carcerario in Toscana

3. I limiti della detenzione? Le procedure di espulsione dei migranti forestieri

Francesca Di Pasquale, I benedettini e la colonia agricola per minori di S. Martino delle Scale (Palermo) 1862-88

1. Introduzione

2. La fondazione

3. «La casa della redenzione»

4. Coloni per la nuova Italia

5. La crisi e l’epilogo della direzione di Castelli

6. Conclusioni

Claudio Sarzotti, La costruzione della realtà penitenziaria: l’inchiesta sui bagni penali di Maurice Alhoy durante la monarchia di Luglio (1830-48)

1. Storia della penalità ed evoluzione dei media

2. Maurice Alhoy e il giornalismo nella Francia della monarchia di Luglio

3. Il giornalista-scrittore come testimone diretto della realtà penitenziaria

4. Il bagno penale al confine tra supplizio e detenzione disciplinare: «sono ancora uomini quelli là?»

5. La costruzione del binomio tipo-stereotipo del criminale tra scienza e letteratura

6. Conclusioni

Francesca Vianello, Sociologia e critica della pena detentiva

1. Evoluzioni della pena e sociologia critica

2. La sociologia di fronte all’esplosione penitenziaria

3. Evoluzione della pena detentiva: il dibattito in Italia

4. Ricerca qualitativa ed etnografia carceraria


La memoria del dolore: un progetto di rinascita

Apre al Museo Nazionale Romano alle Terme di Diocleziano la mostra

La Memoria del dolore. Un progetto di rinascita


Dal 19 maggio al 13 giugno

https://www.beniculturali.it/evento/la-memoria-del-dolore-un-progetto-di-rinascita

https://museonazionaleromano.beniculturali.it/evento/la-memoria-del-dolore-un-progetto-di-rinascita/

Attraverso lo sguardo di Marco Delogu, Raffaela Mariniello e Mohamed Keita, fotografi di fama internazionale, scopriremo uno dei luoghi più evocativi della storia d’Italia: il carcere di Santo Stefano-Ventotene.

Curata da Marco Delogu, la mostra è promossa dalla Commmissaria Straordinaria per il recupero del Carcere Santo Stefano-Ventotene, Silvia Costa, insieme al Ministero della Cultura e al Museo Nazionale Romano.

Costruito nel 1795 sull’isola di Santo Stefano, nell’arcipelago delle Isole Ponziane, su iniziativa di Re Ferdinando IV di Borbone, il carcere ha accolto detenuti comuni e politici fino alla sua dismissione nel 1965; un grandioso progetto di recupero darà nuova vita a questo luogo trasformandolo in un centro polifunzionale culturale ed espositivo.

Political Convicts: Transnational Actors of the Risorgimento

Si segnala il seminario

Political Convicts:
Transnational Actors of the Risorgimento

Presenter
Elena Bacchin (Università Ca’ Foscari, Venezia & Columbia University, Marie Curie Global Fellow)

Discussant
Mark Mazower (Columbia University)

Moderator
Konstantina Zanou (Columbia University)


During the Risorgimento, numerous Italian intellectuals, patriots, and political activists spent parts of their lives in prison and built around this experience an identity based on the concepts of sacrifice and martyrdom. Focusing on the early 1830s, and in particular on reactions to the Austrian incarceration of the 1831 insurgents, I aim to free political detainees from the shackles of legal and political history and insert them within the context of the questions raised by transnational and humanitarian history. While liberal jurists’ and intellectuals’ perceptions of political crime were being reconfigured over the first decades of the 19th century, political convicts acted as transnational actors of the Italian Risorgimento, with international and popular support, thus challenging the idea that political prisoners emerged as political figures and international actors only in the 20th century.

Register at: http://bit.ly/IMC-0409

This event is part of the Italian and Mediterranean Colloquium series, sponsored by the European Institute &
the Department of Italian, Columbia University

Programma scaricabile al seguente link:

Logistica delle migrazioni

Si segnala la presentazione del Quaderno di “Scienza & Politica” n. 11-2020/3 disponibile in Open Access:

Logistica delle migrazioni

a cura di

Christian De Vito (University of Bonn) e
Martino Sacchi Landriani (Université Paris Nanterre)

ne discutono con i curatori

Valeria Delplano (Università di Cagliari)

Ferruccio Ricciardi (CNRS-EHESS-ENS Parigi)

29 marzo 2021

ore 10 – diretta Zoom

ID riunione: 858 0013 3414

Passcode: 172114

Si segnala qui di seguito il link al volume miscellaneo disponibile in Open Access: http://amsacta.unibo.it/6520/1/Quad%2011%20Logistica%20delle%20migrazioni%20FINALE.pdf?fbclid=IwAR3IdAzKHUisa2K5E0QmDoJrc3Syk1rI5PsO1gpcE847Xzdj8Ro0Cc1-cFs

CFP: Rinchiudere, costringere, allontanare

Si segnala la pubblicazione della call for papers del workshop internazionale:

Rinchiudere, costringere, allontanare

Lo spazio come strumento di separazione e controllo sociale
tra il secondo Ottocento e il primo Novecento

Libera Università di Bolzano
(Bressanone, 15 ottobre 2021)

La storia delle carceri, e in generale degli edifici che avevano lo scopo di separare determinate persone dal resto della società, ha incontrato negli ultimi anni una rinnovata fortuna storiografica, che ha proposto nuovi paradigmi e nuove chiavi di lettura. Le indagini sugli aspetti organizzativi, istituzionali, economici delle prigioni e delle strutture affini, sulla vita quotidiana e sui rapporti di potere che si consumavano al loro interno, così come sui contatti con il mondo esterno, mettono bene in luce il ruolo dello spazio (fisico, sociale, immaginato, imposto, creato) quale categoria interpretativa con la quale accostarsi al tema.
Partendo da queste suggestioni, il workshop internazionale vorrebbe porsi come piattaforma per mettere in comunicazione e confrontare tra loro nuove ricerche o ricerche in corso su concreti casi di studio, che si interroghino sulle varie dimensioni e i diversi utilizzi dello spazio come mezzo di punizione, controllo, disciplinamento.
Si vuole fare riferimento non solo, dunque, agli spazi materiali di separazione – carceri, ergastoli, case di lavoro forzato, riformatori… – ma anche ad altri istituti giuridici, prassi di polizia, sanzioni e provvedimenti amministrativi basati sulla limitazione/imposizione/negazione dello spazio. In questa categoria rientrano ad esempio l’estradizione, il domicilio coatto, il trasporto forzoso, e in generale tutte quelle misure che limitavano gli spostamenti ed il raggio d’azione (spaziale ma anche sociale e relazionale) di chi ne era colpito.

L’ambito cronologico che si vuole privilegiare è il periodo che va dalla seconda metà dell’Ottocento allo scoppio della Prima guerra mondiale: periodo in cui – perlomeno in molte parti d’Europa – da un lato si imposero nuove strutture carcerarie e case di lavoro concepite, in teoria, come più moderne e razionali, anche dal punto di vista dell’organizzazione degli spazi; dall’altro si fece un uso sempre più sistematico di quegli strumenti amministrativi e di polizia volti a mantenere l’ordine pubblico allontanando le persone ritenute socialmente pericolose e “devianti” o, al contrario, vietandone il movimento.
Dal punto di vista geografico, il workshop è aperto a qualsiasi proposta. Per permettere un proficuo scambio tra i/le partecipanti, si incoraggia tuttavia la riflessione attorno al rapporto e alle reciproche connessioni tra gli spazi di punizione/controllo che si vogliono prendere in considerazione – siano essi edifici o altre forme di “spazi imposti” o “spazi negati” – e il contesto urbano/regionale/sovraregionale nel quale tali spazi si inseriscono.

Il workshop sarà articolato in due sessioni.

I. Rinchiudere

Nella prima sessione si vorrebbero presentare e discutere paper che si occupino degli edifici di reclusione, dei quali possono essere messi in luce i seguenti aspetti:
– Aspetti architettonici e organizzativi: come erano organizzati gli spazi ed i tempi – e quale il rapporto tra queste due dimensioni della vita quotidiana – all’interno di tali edifici? Quale relazione intercorreva tra questi ultimi e lo spazio esterno? Quali erano i modelli architettonici prevalenti, quali invece le peculiarità locali/regionali?
– Aspetti urbanistici e geografici: dove si collocavano tali edifici nel contesto urbano o regionale, come è mutata nel tempo la loro collocazione e a quali scopi rispondeva (ad es. razionalizzazione e modernizzazione degli spazi urbani, allontanamento degli edifici di reclusione dalle zone più densamente popolate, necessità di disporre di spazi agricoli, vicinanza ad attività estrattive…)?
– Aspetti economici e materiali: come si inserivano tali strutture nel sistema economico e produttivo regionale/statale? Come si sostenevano, quanto andavano a gravare sulle finanze dello Stato/della regione?

II. Costringere, allontanare

La seconda sessione vorrebbe invece discutere e confrontare alcuni casi di studio su altre forme spaziali di punizione e controllo sociale, con particolare riguardo ai seguenti aspetti:
– Aspetti giuridici e normativi: in che modo mutarono e si affinarono, proprio a partire specialmente dalla seconda metà del XIX secolo, alcune forme di controllo sociale legate all’allontanamento delle persone o all’imposizione di non allontanarsi da un determinato luogo, a loro volta strettamente connesse con i complessi concetti di “cittadinanza”, “residenza” e “domicilio”? Come vennero discusse tali misure dal punto di vista giuridico, come venivano concretamente applicate? Vi furono discrepanze tra norma e prassi, tra legge e applicazione? Si possono riconoscere particolarità, specifiche esigenze regionali o spazi di autonomia (ad esempio, per quanto riguarda le regioni di confine) nell’applicazione o elaborazione di tali misure?
– Aspetti istituzionali e diplomatici: si possono rilevare forme di conflittualità tra i vari livelli di governo e di amministrazione (locale, regionale, statale) nell’applicazione di queste misure? Come venivano gestiti sul piano diplomatico provvedimenti come l’esilio e l’estradizione? Che ruolo assunsero, in questo contesto, le amministrazioni delle aree di confine?
– Aspetti sociali e microstorici: cosa significavano concretamente i provvedimenti di allontanamento o costrizione spaziale per gli individui che ne erano particolarmente colpiti – vagabondi, mendicanti, persone senza fissa dimora –, la cui pericolosità percepita consisteva proprio nella loro mobilità “indisciplinata”? Quali le loro strategie ed i margini di elusione di tali provvedimenti?



Il workshop si terrà il 15 ottobre 2021 presso la Facoltà di Scienze della Formazione della Libera Università di Bolzano, sede di Bressanone, e sarà organizzato dal Centro di competenza Storia regionale della Libera Università di Bolzano con la collaborazione dell’Università di Lucerna, Institut für Juristische Grundlagen – lucernaiuris, e dell’Università della Svizzera Italiana, Archivio del Moderno.
Gli organizzatori copriranno le spese di alloggio (2 notti) e le spese di viaggio (fino a un massimo di 250 €). È prevista la pubblicazione dei contributi del workshop.
Si prega di inviare le proposte (un abstract di circa 500 parole, contenente l’indicazione delle fonti utilizzate, nonché, nello stesso file, una breve nota bio-bibliografica) entro il 30 aprile 2021 a Francesca Brunet: francesca.brunet@unibz.it. Allo stesso indirizzo ci si può rivolgere per richieste di chiarimenti o domande di carattere organizzativo. Gli abstract possono essere redatti in italiano, in tedesco o in inglese. Le lingue del convegno saranno l’italiano, il tedesco e l’inglese, con traduzione simultanea in inglese.
I risultati della selezione e il programma definitivo del convegno verranno comunicati entro la fine di maggio 2021.

https://www.unibz.it/it/events/137278-call-for-papers-rinchiudere-costringere-allontanare

Storia globale e coercizione del lavoro in età moderna

Si segnala il seminario curato da Vincenzo Lavenia
(Università di Bologna)

Storia globale e coercizione del lavoro in età moderna


Università degli Studi di Bologna
(2 marzo 2021 – webinar)


Intervengono

Giulia Bonazza (Università Ca’ Foscari Venezia)
Schiavitù, coercizione e conversione nel Mediterraneo, XVII-XIX secolo

Federica Morelli (Università di Torino)
La schiavitù nel mondo atlantico, XVI-XIX secolo

Christian G. De Vito (Rheinische Friedrich-Wilhelms-Universität Bonn)
Coercizione e mobilità del lavoro nell’impero spagnolo, XVI-XVIII secolo



Locandina scaricabile: