Archivi tag: carceri

La memoria del dolore: un progetto di rinascita

Apre al Museo Nazionale Romano alle Terme di Diocleziano la mostra

La Memoria del dolore. Un progetto di rinascita


Dal 19 maggio al 13 giugno

https://www.beniculturali.it/evento/la-memoria-del-dolore-un-progetto-di-rinascita

https://museonazionaleromano.beniculturali.it/evento/la-memoria-del-dolore-un-progetto-di-rinascita/

Attraverso lo sguardo di Marco Delogu, Raffaela Mariniello e Mohamed Keita, fotografi di fama internazionale, scopriremo uno dei luoghi più evocativi della storia d’Italia: il carcere di Santo Stefano-Ventotene.

Curata da Marco Delogu, la mostra è promossa dalla Commmissaria Straordinaria per il recupero del Carcere Santo Stefano-Ventotene, Silvia Costa, insieme al Ministero della Cultura e al Museo Nazionale Romano.

Costruito nel 1795 sull’isola di Santo Stefano, nell’arcipelago delle Isole Ponziane, su iniziativa di Re Ferdinando IV di Borbone, il carcere ha accolto detenuti comuni e politici fino alla sua dismissione nel 1965; un grandioso progetto di recupero darà nuova vita a questo luogo trasformandolo in un centro polifunzionale culturale ed espositivo.

CFP: Rinchiudere, costringere, allontanare

Si segnala la pubblicazione della call for papers del workshop internazionale:

Rinchiudere, costringere, allontanare

Lo spazio come strumento di separazione e controllo sociale
tra il secondo Ottocento e il primo Novecento

Libera Università di Bolzano
(Bressanone, 15 ottobre 2021)

La storia delle carceri, e in generale degli edifici che avevano lo scopo di separare determinate persone dal resto della società, ha incontrato negli ultimi anni una rinnovata fortuna storiografica, che ha proposto nuovi paradigmi e nuove chiavi di lettura. Le indagini sugli aspetti organizzativi, istituzionali, economici delle prigioni e delle strutture affini, sulla vita quotidiana e sui rapporti di potere che si consumavano al loro interno, così come sui contatti con il mondo esterno, mettono bene in luce il ruolo dello spazio (fisico, sociale, immaginato, imposto, creato) quale categoria interpretativa con la quale accostarsi al tema.
Partendo da queste suggestioni, il workshop internazionale vorrebbe porsi come piattaforma per mettere in comunicazione e confrontare tra loro nuove ricerche o ricerche in corso su concreti casi di studio, che si interroghino sulle varie dimensioni e i diversi utilizzi dello spazio come mezzo di punizione, controllo, disciplinamento.
Si vuole fare riferimento non solo, dunque, agli spazi materiali di separazione – carceri, ergastoli, case di lavoro forzato, riformatori… – ma anche ad altri istituti giuridici, prassi di polizia, sanzioni e provvedimenti amministrativi basati sulla limitazione/imposizione/negazione dello spazio. In questa categoria rientrano ad esempio l’estradizione, il domicilio coatto, il trasporto forzoso, e in generale tutte quelle misure che limitavano gli spostamenti ed il raggio d’azione (spaziale ma anche sociale e relazionale) di chi ne era colpito.

L’ambito cronologico che si vuole privilegiare è il periodo che va dalla seconda metà dell’Ottocento allo scoppio della Prima guerra mondiale: periodo in cui – perlomeno in molte parti d’Europa – da un lato si imposero nuove strutture carcerarie e case di lavoro concepite, in teoria, come più moderne e razionali, anche dal punto di vista dell’organizzazione degli spazi; dall’altro si fece un uso sempre più sistematico di quegli strumenti amministrativi e di polizia volti a mantenere l’ordine pubblico allontanando le persone ritenute socialmente pericolose e “devianti” o, al contrario, vietandone il movimento.
Dal punto di vista geografico, il workshop è aperto a qualsiasi proposta. Per permettere un proficuo scambio tra i/le partecipanti, si incoraggia tuttavia la riflessione attorno al rapporto e alle reciproche connessioni tra gli spazi di punizione/controllo che si vogliono prendere in considerazione – siano essi edifici o altre forme di “spazi imposti” o “spazi negati” – e il contesto urbano/regionale/sovraregionale nel quale tali spazi si inseriscono.

Il workshop sarà articolato in due sessioni.

I. Rinchiudere

Nella prima sessione si vorrebbero presentare e discutere paper che si occupino degli edifici di reclusione, dei quali possono essere messi in luce i seguenti aspetti:
– Aspetti architettonici e organizzativi: come erano organizzati gli spazi ed i tempi – e quale il rapporto tra queste due dimensioni della vita quotidiana – all’interno di tali edifici? Quale relazione intercorreva tra questi ultimi e lo spazio esterno? Quali erano i modelli architettonici prevalenti, quali invece le peculiarità locali/regionali?
– Aspetti urbanistici e geografici: dove si collocavano tali edifici nel contesto urbano o regionale, come è mutata nel tempo la loro collocazione e a quali scopi rispondeva (ad es. razionalizzazione e modernizzazione degli spazi urbani, allontanamento degli edifici di reclusione dalle zone più densamente popolate, necessità di disporre di spazi agricoli, vicinanza ad attività estrattive…)?
– Aspetti economici e materiali: come si inserivano tali strutture nel sistema economico e produttivo regionale/statale? Come si sostenevano, quanto andavano a gravare sulle finanze dello Stato/della regione?

II. Costringere, allontanare

La seconda sessione vorrebbe invece discutere e confrontare alcuni casi di studio su altre forme spaziali di punizione e controllo sociale, con particolare riguardo ai seguenti aspetti:
– Aspetti giuridici e normativi: in che modo mutarono e si affinarono, proprio a partire specialmente dalla seconda metà del XIX secolo, alcune forme di controllo sociale legate all’allontanamento delle persone o all’imposizione di non allontanarsi da un determinato luogo, a loro volta strettamente connesse con i complessi concetti di “cittadinanza”, “residenza” e “domicilio”? Come vennero discusse tali misure dal punto di vista giuridico, come venivano concretamente applicate? Vi furono discrepanze tra norma e prassi, tra legge e applicazione? Si possono riconoscere particolarità, specifiche esigenze regionali o spazi di autonomia (ad esempio, per quanto riguarda le regioni di confine) nell’applicazione o elaborazione di tali misure?
– Aspetti istituzionali e diplomatici: si possono rilevare forme di conflittualità tra i vari livelli di governo e di amministrazione (locale, regionale, statale) nell’applicazione di queste misure? Come venivano gestiti sul piano diplomatico provvedimenti come l’esilio e l’estradizione? Che ruolo assunsero, in questo contesto, le amministrazioni delle aree di confine?
– Aspetti sociali e microstorici: cosa significavano concretamente i provvedimenti di allontanamento o costrizione spaziale per gli individui che ne erano particolarmente colpiti – vagabondi, mendicanti, persone senza fissa dimora –, la cui pericolosità percepita consisteva proprio nella loro mobilità “indisciplinata”? Quali le loro strategie ed i margini di elusione di tali provvedimenti?



Il workshop si terrà il 15 ottobre 2021 presso la Facoltà di Scienze della Formazione della Libera Università di Bolzano, sede di Bressanone, e sarà organizzato dal Centro di competenza Storia regionale della Libera Università di Bolzano con la collaborazione dell’Università di Lucerna, Institut für Juristische Grundlagen – lucernaiuris, e dell’Università della Svizzera Italiana, Archivio del Moderno.
Gli organizzatori copriranno le spese di alloggio (2 notti) e le spese di viaggio (fino a un massimo di 250 €). È prevista la pubblicazione dei contributi del workshop.
Si prega di inviare le proposte (un abstract di circa 500 parole, contenente l’indicazione delle fonti utilizzate, nonché, nello stesso file, una breve nota bio-bibliografica) entro il 30 aprile 2021 a Francesca Brunet: francesca.brunet@unibz.it. Allo stesso indirizzo ci si può rivolgere per richieste di chiarimenti o domande di carattere organizzativo. Gli abstract possono essere redatti in italiano, in tedesco o in inglese. Le lingue del convegno saranno l’italiano, il tedesco e l’inglese, con traduzione simultanea in inglese.
I risultati della selezione e il programma definitivo del convegno verranno comunicati entro la fine di maggio 2021.

https://www.unibz.it/it/events/137278-call-for-papers-rinchiudere-costringere-allontanare

webinar – 25 febbraio 2021

Modelli e pratiche carcerarie a Roma e nello Stato pontificio tra età moderna e contemporanea


Seminario intermedio di presentazione delle ricercehe in corso

in collaborazione con il Laboratorio di ricerca Ergastulum
e la rivista Giornale di Storia


Introduce

Chiara Lucrezio Monticelli, Università di Roma “Tor Vergata”


Intervengono

Maria Romana Caforio, Archivio di Stato di Lecce

Roberto Benedetti, La Sapienza Università di Roma

Alessio Collacchi, Università di Roma “Tor Vergata”

Saranno presenti alla discussione

Liliosa Azara (Università di Roma Tre), Marina Baldassari (La Sapienza Università di Roma), Andrea Giuliani (Università di Roma “Tor Vergata”), Francesco Saggiorato (Università di Roma “Tor Vergata” – Université Paris 1), Francesco Vitali (La Sapienza Università di Roma)

Webinar – 30 ottobre 2020

Modelli e pratiche carcerarie a Roma e nello Stato pontificio tra età moderna e contemporanea

Seminario online di presentazione delle ricercehe in corso

in collaborazione con il Laboratorio di ricerca Ergastulum
e la rivista Giornale di Storia

Introduce

Chiara Lucrezio Monticelli, Università di Roma “Tor Vergata”


Intervengono

Maria Romana Caforio, Archivio di Stato di Lecce

Roberto Benedetti, La Sapienza Università di Roma

Lorenzo Coccoli, Università di Napoli “Parthenope”

Alessio Collacchi, Università di Roma “Tor Vergata”

Saranno presenti alla discussione

Marina Baldassari (La Sapienza Università di Roma), Tommaso Caliò (Università di Roma “Tor Vergata”), Andrea Giuliani (Università di Roma “Tor Vergata”), Francesco Saggiorato (Università di Roma “Tor Vergata” – Université Paris 1), Alessandro Serra (Università di Perugia), Francesco Vitali (La Sapienza Università di Roma)

CFP: Società carcerarie. Spazi, circolazioni, connessioni

Seminario interdisciplinare di studi dottorali

Società carcerarie. Spazi, circolazioni, connessioni/Sociétés carcérales. Espaces, circulations, connexions


École française de Rome
(Roma, 19-23 ottobre 2020)

Le istituzioni penitenziarie costituiscono oggi, in Francia, un settore autonomo delle scienze sociali. A partire dagli anni Sessanta del Novecento, sono state soprattutto studiate dal punto di vista del controllo e della regolamentazione sociale, con n’attenzione particolare alla nascita del carcere moderno alla fine del XVIII secolo.
Negli ultimi vent’anni sono emerse nuove questioni, soprattutto rispetto alle forme di appropriazione dello spazio e di “sociabilità” tra reclusi e carcerieri, uomini, donne e bambini, che vi si trovavano a vivere insieme. In questo modo, il focus si è allargato su altri tipi di reclusione, distinti dalla detenzione penale (monasteri, ospedali, manicomi, depositi di mendicità…), sulla scia dei lavori di E. Goffman. Questi temi sono sottoposti oggi a nuovi interrogativi, sia rispetto alla natura dello Stato sia sugli effetti sociali della detenzione. Il seminario propone di approfondire tali questioni affrontandole nel lungo periodo, dall’antichità ad oggi, e secondo un’ampia prospettiva geografica che coinvolge varie regioni del mondo. Chi è rinchiuso? Per quali motivi e in quali forme? Quali sono le specificità delle diverse forme di reclusione? È possibile pensarle in modo interconnesso, attraverso le pratiche e le
tecniche che le accomunano?


Tre temi saranno soprattutto discussi:


(1) Gli spazi della reclusione: Molto prima della formalizzazione nel XIX secolo dell’istituzione penitenziaria e dei suoi diversi modelli architettonici (circolari, poligonali, radiali…) destinati a una sorveglianza panottica dei detenuti, vari spazi sono stati usati come luoghi di reclusione (vecchi conventi, ospedali, fortezze, caserme, isole, bagni, confini, nuove costruzioni…). Come sono stati modellati o adattati? Come si sono evoluti, in particolare in relazione alle pratiche di appropriazione e di contestazione da parte dei detenuti (evasioni, baratti, commercio
sessuale…)?


(2) Le circolazioni. Contrariamente a un’idea diffusa, gli spazi carcerari non sono tagliati fuori dalla società circostante, ma hanno con essa complesse relazioni di apertura e di chiusura. Se in molti vi accedono (amministratori, fornitori, visitatori, ecc.), gli stessi detenuti possono uscire, ad esempio per lavorare nei campi o presso artigiani. Come si inseriscono questi ultimi nella società esterna (in città o in campagna)? Quali sono gli scambi, le circolazioni e i passaggi tra dentro e fuori, e che tipo di ripercussioni hanno sull’organizzazione delle società carcerarie? In che modo i confini culturali, linguistici e religiosi attraversano questi spazi e trasformano le relazioni tra una parte e l’altra delle mura?


(3) Le connessioni: Il XIX secolo ha conosciuto un’“Europa penitenziaria” (M. Perrot), segnata da congressi di esperti, da pubblicazioni, da modelli copiati o contestati. Queste connessioni, a livello dei discorsi e delle pratiche ufficiali, hanno degli equivalenti nelle epoche precedenti? Sono ancora attuali oggi? Esiste uno spazio di idee e di tecniche condivise in Europa, o nel mondo, per pensare e praticare la reclusione, delle culture carcerarie comuni che si sarebbero configurate e trasformate nel tempo? E quali sono le conseguenze sulle esperienze carcerarie locali?

Il Seminario è aperto ai dottorandi e agli studenti iscritti al secondo anno di laurea magistrale, di tutte le discipline e nazionalità. Particolare attenzione sarà dedicata alle questioni teoriche e metodologiche, alla riflessione sulle fonti, sui documenti e sulle scale di analisi. Seminari storiografici e tematici si alterneranno alle presentazioni dei lavori degli studenti. Le lingue di lavoro sono il francese, l’italiano e l’inglese.

Comitato scientifico: Falk Bretschneider (EHESS), Natalia Muchnik (EHESS), Fabrice Jesné (EFR), Silvia Sebastiani (EHESS).


Parteciperanno al seminario i seguenti insegnanti: Irene Becci Université de Lausanne) ; Céline Beraud (EHESS) ; 3. Falk Bretschneider (EHESS) ; Isabelle Heullant-Donat (Université de Reims) ; Chiara Lucrezio Monticelli (Università Tor Vergata) ; Natalia Muchnik (EHESS) ; Yann Rivière (EHESS).

The Limits of Confinement

The Limits of Confinement
Rome and the Transnational Catholic Model of Prison Treatment in the Nineteenth-Century


International conference in Rome, 25th – 27th September 2019

Conference program:

25th September
Casa di reclusione di Roma Rebibbia
Via Bartolo Longo n. 72

3.00 p.m.

Chiara Lucrezio Monticelli (Università di Roma “Tor Vergata”), Conference Presentation

1st Session
Round Table: Representations of Roman Prisons

Chair: Marina Formica (Università di Roma “Tor Vergata” – Coordinator of “Roma 800”)

Fabrizio Natalini (Università di Roma “Tor Vergata”), Carceri romane nel cinema: da Magni a Citti e Pasolini

Matteo Morandini (historian, teacher in Rebibbia prison), Le carceri del papa nei romanzi del Risorgimento italiano

Edoardo Albinati (writer), Marco Delogu (photographer), Biografie e fotografie a Rebibbia

Bruno Oliviero (film director), Il carcere tra realtà e finzione

Fabio Pierangeli (Università di Roma “Tor Vergata” – Coordinator of “Corso di Laurea in Lettere”), Introduzione agli interventi e testimonianze degli studenti di Rebibbia


26th September
Archivio di Stato di Roma
Corso Rinascimento n. 40

9.30 a.m.

2nd Session
Theories and Practices of Confinement at the End of the Ancien Régime

Paolo Buonora (Direttore dell’Archivio di Stato di Roma), Welcome adresses

Michele Di Sivo (Vicedirettore dell’Archivio di Stato di Roma), The State Archive of Rome and its Documentation on Prison and Confinement: Projects in Progress

Introduction
Alessandro Serra (Università di Perugia), Le traitement carcéral au XIXe siècle entre réformes d’État et initiatives ecclésiastiques: une hypothèse de travail

Chair: Marco Cicchini (Université de Genève)

Keynote speech
Mary Gibson (John Jay College of Criminal Justice, New York), The Birth of the Italian Prison in International Perspective

Coffee Break

Marcos Bretas (Universidade Federal do Rio de Janeiro), Prison models in Independent Brazil

Ludovic Maugué (Université de Genève), La maison centrale d’Embrun (1800-1815) : la naissance d’un modèle carcéral français ?

Francesco Saggiorato (Università di Roma “Tor Vergata” – Université Paris 1), Prisons, détentions « provisoires » et mesures de haute police dans la Toscane napoléonienne

Discussion

Lunch


3.00 p.m.

3rd Session
Rome, Ecclesiastical Institutions and the Catholic Model

Chair: Tommaso Caliò (Università di Roma “Tor Vergata”)

Maria Romana Caforio (Archivio di Stato di Chieti), Lo Stato Pontificio nel quadro delle riforme carcerarie europee: protagonisti, visitatori, reciproche influenze (1816-1857)

Alessandro Serra (Università di Perugia), Congregazioni religiose e gestione delle carceri: il caso di S. Balbina (Roma, 1854-1878)

Alessio Collacchi (Università di Roma “Tor Vergata”), “Il diavolo alle Tre Fontane” e la “santa opera”. Colonizzazione penale agricola nella Roma postunitaria (1880-1895)

Coffee Break

Francesca Di Pasquale (Soprintendenza archivistica per la Sicilia – Archivio di Stato di Palermo), Devianza minorile e opere pie. La colonia agricola di S. Martino delle Scale (Palermo) nella seconda metà dell’Ottocento

Discussion


27th September
Biblioteca delle Arti
Via San Michele n. 22

9.30 a.m.

4th Session
Round Table: New Perspectives on the History of Confinement

Chair: Livio Antonielli (Università di Milano)

Vincent Milliot (Université Paris 8), Une nouvelle histoire de la prison et de l’enfermement ? Présentation du projet et réseau de recherche “Enfermements modernes / Early Modern Confinement”

Marco Cicchini (Université de Genève), Interner le fou criminel, entre prison et hôpital (Genève et Vaud, 1760-1815)

Catherine Cox (Dublin University), Tending to unsettle the Belief of a Catholic Prisoner’: Chaplains, Prison Regimes, and Mental Disorder in Mid Nineteenth-Century Ireland

Coffee Break

Chiara Lucrezio Monticelli (Università di Roma “Tor Vergata”), The Roman and Catholic Models of Prison Treatment in a Historical Perspective

Piero Vereni (Università di Roma “Tor Vergata”), Prison and Social Sciences: Introduction to the Final Discussion

General discussion

12.30 a.m.

Guided tour of the historical prisons for minors and women in S. Michele a Ripa


The conference is organised in the frame of the “Mission Sustainability” research project The International Debate on the Prisoners Treatment.
The “Roman Model” in a Historical Perspective
, supported by University of Rome “Tor Vergata”.

Scientific committee:
Livio Antonielli (Università di Milano), Luigi
Cajani (Sapienza Università di Roma), Tommaso
Caliò (Università di Roma “Tor Vergata”), Marco
Cicchini (Université de Genève), Christian De
Vito (University of Bonn), Francesca Di Pasquale
(Soprintendenza archivistica per la Sicilia-Archivio
di Stato di Palermo), Michele Di Sivo (Archivio di
Stato di Roma), Marina Formica (Università di Roma
“Tor Vergata”), Mary Gibson (John Jay College, New
York), Raffaele Laudani (Università di Bologna),
Chiara Lucrezio Monticelli (Università di Roma
“Tor Vergata”), Vincent Milliot (Université Paris 8),
Michel Porret (Université de Genève), Alessandro
Serra (Università di Perugia)

Organising Committee:
Tommaso Caliò, Marco Cicchini, Chiara Lucrezio
Monticelli, Alessandro Serra

Organising Secretariat:
Alessio Collacchi (alessio.collacchi@libero.it)
Francesco Saggiorato (francescosaggiorato@gmail.com)

The Limits of Confinement: working paper

The research project

The conference represents the concluding step of a research project supported by the University of Rome “Tor Vergata” entitled The international debate on the treatment of prisoners. The “roman model” in a historical perspective.

The project focused on the “roman/catholic model” in the context of theories and practices of the treatment of prisoners, with particular attention on 19th century reforms. During the 18th century, the Ancien Régime catholic forms of detention underwent a major innovation process that culminated in the establishment of cellular confinement for children and women in the ‘San Michele a Ripa’ prison in Rome. As a result of the discussion raised even in the ecclesiastical milieu by Cesare Beccaria’s work (censored in 1766), further models of imprisonment were tested during French presence in Rome (namely the 1798-99 Roman Republic and the annexation to the Napoleonic Empire in 1809-1814).

This complex legacy was at the core of the debate on prison reform in mid-19th century both in the Papal States and at the international level. The role played in this debate by the American models of prison (Philadelphia’s ‘solitary confinement’ and Auburn’s ‘silent system’) has been studied extensively. By contrast, the papal system of detention as a model – combining work and religious practice in the treatment and rehabilitation of prisoners (ora et labora) – has been poorly investigated by scholars, in spite of its relevance in the opinion of the observers of that time.

The features of the roman penitentiary system were noted by key figures of the reform movement in the Papal States (Morichini, 1835; Moroni, 1840-1873) and by foreign experts (Cerfbeer, 1839; Petitti di Roreto, 1837-1840-1843), either from similar or opposite perspectives.

The aspects related to the treatment of prisoners and the role of religion in rehabilitation were perceived as the most noteworthy features of the roman model. Those key aspects of rehabilitation were by contrast strongly criticised by an isolationist and anti-productivist view of punishment that was put forward by some liberal intellectuals (Tocqueville 1833; Cattaneo, 1840).


Aims of the Conference

In this interpretative framework, the conference aims to put forward the conceptual tool of ‘limit’ as useful notion in order to analyze urban spaces and forms of treatment in roman institutions of confinement, with regard to a more general comparative perspective of the ‘triumph’ of 19th-century prison.

The typical catholic combination between the hybridization of penal and non-penal confinement and the roman displacement of the prisons from the centre to the periphery can be considered a key aspect of the development of 19th century prison in Rome and abroad. Hence, the case-study of Papal States can significantly contribute to investigate the establishment of prison as the pivot of Western penal systems and its implications in the urban renewal of bourgeois cities by combining the field of studies on penal prison with an urban history approach. Even in a global historical perspective, the Christian vision of confinement and rehabilitation may provide suggestions for further research on the relationship between religions and non-Western origins of prison.

During the conference, selected professors, research groups and PhD students are asked to better conceptualize what the “catholic model” was and the role it played in the context of prison reforms that, starting with 19th century debates, represented one major challenge to modern societies. In particular, scholars are invited to discuss the key words of ‘limit’ and ‘border’ as a way to put in question too static paradigms of how total institutions work, in light of recent conceptual and historical debates.


Conference programme

An introducing session (held in Rebibbia prison and involving students detainees) will be devoted to cultural representations of roman prisons in a historical perspective, from the 19th century until recent attempts to represent life in prison (especially in Rebibbia prison) undertaken by literature, photography, music and fiction. By focusing on the characteristics of the storytelling about confinement as a literary genre, the aim is to evaluate the connections between these narratives and the public debate on prison reform in order to point out topics, clichés and rhetoric that had their origins in the 19th century.

A second session (held in the ancient prison of San Michele a Ripa), entitled New perspectives on the history of confinement, will provide an overview of recent approaches to the history of modern kinds of confinement, with regard to experiences that have some connection with catholic rehabilitation treatment based on work and religious practice (Enfermements project from France and Belgium, “Prisoners, Medical Care and Entitlement to Health” project in Ireland, “The Carceral Archipelago” project from England, are particularly interesting in a comparative perspective with roman-case).

In the third session, entitled The limits of punishment: theories and practices of confinement at the end of the Ancien Régime, the focus will be on the persistence of non-penal forms of confinement during the rise of penal prison as a privileged form of punishment. The cases of hybridization of the different treatments in the confinement institutions (judicial madhouses, depôt de mendicité, penal colonies) will be examined in this perspective by taking into account casestudies from Italian States, Switzerland, French Empire, British Empire.

The final session, entitled Rome as a urban-model and catholic-model of treatment ?, the case-study of 19th-century Rome will be analyzed from the point of view of urban renewal interconnected with the circulation of catholic models of detention. The management of Roman prisons (public or private actors, professional bodies, religious or lay staff, gender distinction) and the impact on living conditions will be taken into account in a comparative perspective with other catholic countries in European and non-European contexts in terms of circulations of models, ideas
and experts (special attention will be devoted to case-studies from Ireland, Spain, Latin America).


PI of the research project:

Chiara Lucrezio Monticelli (Università di Roma “Tor Vergata”)

Organizational committee:

Tommaso Caliò (Università di Roma “Tor Vergata”)

Marco Cicchini (Université de Genève)

Chiara Lucrezio Monticelli (Università di Roma “Tor Vergata”)

Alessandro Serra (Università di Perugia)

Organising Secretariat:

Alessio Collacchi (Università di Roma “Tor Vergata)

Francesco Saggiorato (Università di Roma “Tor Vergata”-Université Paris 1-IHMC

Carceri a Bologna in Età napoleonica

Si segnala la pubblicazione dell’articolo di  Maria Romana Caforio, Carceri a Bologna in Età napoleonica, in «Storia Urbana: rivista di studi sulle trasformazioni della città e del territorio in età moderna», n. 152/153, 2016, pp. 37-57.

Abstract:

L’arrivo dei francesi a Bologna, nel giugno del 1796, comportò l’avvio di un processo di ammodernamento delle istituzioni di giustizia e di polizia che per secoli avevano regolato la vita cittadina. Incisivi interventi riguardarono anche la rete reclusiva esistente, realizzata tra Sei e Settecento, inclusa all’interno del progetto di rinnovamento delle strutture statuali promosso dal nuovo governo. Il tema, sinora rimasto ai margini del dibattito storiografico, costituisce l’oggetto del presente contributo. Esso si propone di indagare in un’ottica comparativa i capisaldi teorici e i risultati della politica carceraria messa a punto nella città dalle autorità napoleoniche nell’arco di un quindicennio. L’analisi di un’eterogenea documentazione archivistica ha permesso di appurare come, a Bologna, la sostituzione dei vecchi luoghi d’internamento con stabilimenti deputati a specifiche categorie di trasgressori fu dettata non solo da un nuovo modo di intendere i rapporti tra Stato, legge e comunità, ma anche da precise esigenze di un più stretto controllo sociale e di uniformità amministrativa. Parti integranti di un sistema penitenziario esteso a tutti i territori della penisola, le prigioni cittadine furono organizzate secondo un modello centralizzato e teso allo sfruttamento del lavoro coatto, destinato da un lato al fallimento e dall’altro a essere rivisitato negli anni successivi alla Restaurazione pontificia, nel contesto di un programma di rinnovamento degli organismi preposti alla tutela sociale e privata.

The French conquest of Bologna, in June 1796, inaugurated a modernization of the judiciary, and of the police institutions that regulated civic life for centuries. In renovating State structures, the new government also acted upon the network of prisons that was already in place, which had been organized throughout the 1600s and 1700s. This subject, which has remained at the margins of scholarly debate so far, stands at the core of this essay. The essay aims at investigating, in a comparative perspective, the theory and practice of prison policies as they were planned and enforced by the Napoleonic authorities in the course of fifteen years. The analysis of a very diverse group of archival materials makes it possible to establish that, in Bologna, traditional sites of internment were substituted with new ones, thought to host specific categories of lawbreakers. I argue that this was not dictated only by a new understanding of the relation between State, law and community, but also by a distinct need for increased social control and administrative uniformity. Civic prisons were the building blocks of a prison system that was extended to Napoleonic Italy in its entirety. They functioned following a centralized model, with the objective of exploiting bonded labour. On the one hand, the model failed. On the other hand, however, after Bologna’s return under Papal rule, it inspired new programmes of private and social protection.

Link al sito dell’editore della rivista: https://www.francoangeli.it/Riviste/SchedaRivista.aspx?IDArticolo=59206&Tipo=Articolo%20PDF&idRivista=58

Assistenza e controllo sociale a Bologna tra Antico regime ed Età napoleonica

Si segnala la pubblicazione dell’articolo di  Maria Romana Caforio, Assistenza e controllo sociale a Bologna tra antico regime ed Età napoleonica. L’Opera pia dei Mendicanti, in «Proposte e ricerche»,
XXXVII, n. 73, 2014, pp. 67-79.

Abstract:

Very few studies have been conducted on the strategies of social control in Bologna between the XVIII and the Napoleonic Era. This paper aims to fill the gap by focusing on the Opera Pia dei Mendicanti, a charity foundation for orphan, prostitutes, offenders and people with mental disability. Based on a wide range of archive records, the analysis reconstructs the purposes of the institution, the social actors involved, the management of reclusive spaces as well as internal regulations. The research points out the role of the Opera Pia within the social and economic local context, identifying continuities and discontinuities between the Ancién Regim and the French domination, in order to evaluate its impact on the individuals and on the territory as a whole.

Link al sito dell’editore del volume: http://eum.unimc.it/it/catalogo-completo/426-proposte-e-ricerche-n-73