Tutti gli articoli di andreagiuliani

Informare. Lo sguardo (in)discreto delle autorità sui fenomeni politici, economici e sociali tra Otto e Novecento

Call for papers

Informare. Lo sguardo (in)discreto delle autorità sui fenomeni politici, economici e sociali tra Otto e Novecento

Convegno internazionale
Pisa, 14-15 dicembre 2023

Il convegno, promosso dalla Società per gli studi di Storia delle Istituzioni, nasce dalle prime suggestioni emerse nell’ambito di due progetti di ricerca condotti presso l’Università di Pisa (Le sfide della statualità contemporanea. Governo, cittadinanza e conflitti tra poteri) e
l’Università degli studi di Napoli Federico II (SECRET. Spies in European Culture between Reality and Tales).
Il generale obiettivo dell’incontro consiste in una prima riflessione sistematica sulla storia istituzionale europea intorno alla complessa e variegata congerie di attività di “informazione” compiute dai molteplici attori istituzionali nel periodo compreso tra l’età napoleonica e il
secondo dopoguerra.
La nozione di “informazione” rappresenta volutamente una categoria interpretativa ampia e priva di rigidi confini, in modo da porre sotto esame le molte rilevanti attività di raccolta e produzione di informazioni, di natura assai differente, che caratterizzarono l’azione delle autorità. Basti ricordare l’opera di intelligence e di prevenzione, sia all’estero che entro il territorio nazionale, ma anche di ricognizione, di analisi e di studio non legata alle esigenze di politica estera e/o di tutela dell’ordine pubblico, come quella dedicata ai fenomeni economico-produttivi, sociali, culturali e politici.
Come noto, nell’Europa otto-novecentesca, il potenziamento dell’azione statuale e il conseguente rafforzarsi degli apparati burocratico-amministrativi determinarono una crescente produzione di informazioni da parte delle autorità pubbliche, sia a livello centrale che periferico. La messa a punto di nuovi sistemi a ciò deputati era funzionale a più
pervasive prerogative di governo, ma non sempre in grado di decifrare e ricomporre in maniera esaustiva gli aspetti meno formalizzabili della fisiologia sociale. La tensione fra modelli codificati e ineludibile discrezionalità delle informazioni ufficiali costituisce una delle
chiavi ermeneutiche su cui il convegno vuole gettare luce, facendo emergere elementi di complessità e di possibile conflitto tra i diversi livelli del processo di governance.
In quest’ottica, particolare attenzione potrà essere dedicata al peso che anche le prassi e i processi non formalizzati ebbero nel quadro più generale dello sforzo informativo delle autorità. Si auspica l’opportunità di ospitare studi dedicati a singoli casi nazionali, oppure di
carattere comparativo, in modo da evidenziare differenze, analogie, ibridazioni e mutuazioni quantomeno su scala europea. Un elemento di orientamento comune ai contributi sarà rappresentato dall’individuazione di specifiche tipologie di fonti documentali da analizzare, considerate ovviamente nella loro evoluzione all’interno dell’arco cronologico individuato.
Su questa linea, si accoglieranno contributi che intendano indagare alcuni aspetti di interesse, quali:

– Le funzioni di informazione, di polizia e di controllo esercitate dalle autorità pubbliche, anche con riguardo alle nuove politiche di classificazione della cittadinanza.

– La raccolta, la produzione e l’analisi delle informazioni da parte delle istituzioni, tra centro e
periferia, su aspetti economico-produttivi, sociali, culturali e politici.

– L’evoluzione della cultura della sicurezza e del “segreto”, e gli strumenti istituzionali
perfezionati per metterla in atto in modo più efficace.

– La gestione delle informazioni raccolte, tanto a livello di governance che sul piano della comunicazione mediatica, e lo sviluppo di un sapere burocratico ad essa connesso

Le proposte d’intervento potranno essere presentate in italiano, in inglese o in spagnolo, inviando ad Alessandro Breccia (alessandro.breccia@unipi.it) un abstract di 400 parole
circa, corredate da indirizzo e-mail di contatto e da un brevissimo profilo biografico, entro il 20 aprile 2023.
L’esito della selezione delle proposte sarà comunicato entro il 7 giugno 2023. I contributi scientifici più significativi saranno pubblicati in un volume collettaneo. Le spese di soggiorno dei relatori saranno a carico dell’organizzazione del convegno.

Comitato scientifico e organizzatore: Marcella Aglietti (Università di Pisa); Alessandro Breccia (Università di Pisa) Giacomo Demarchi (Università di Pisa); Laura Di Fiore (Università di Napoli Federico II); Antonella Meniconi (Università di Roma La Sapienza); Marco Meriggi (Università di Napoli Federico II); Giovanna Tosatti (Società per gli studi di Storia delle Istituzioni)

Social History of Punishment and Labour Coercion – Amsterdam University Press

Si segnala la collana

Social History of Punishment and Labour Coercion

This book series is a platform for expansive understandings of practices of punishment and labour coercion. The books published in this series concern all forms of punishment which were meted out by any type of State apparatus, by individuals such as slave holders, fathers and husbands, and by social institutions such as kin and elderly councils. At the same time, labour is understood here as comprising not only wage labourers, but also enslaved, indentured, tributary and convicted workers, together with unemployed and unpaid individuals.

The series addresses the ways in which workers were punished; it deals with the role of punishment in mobilizing and immobilizing workers; and it highlights the punitive aspects of key dynamics of labour coercion, such as debt, tribute, war and anti-vagrancy laws. Punishment and labour coercion are seen here as open-ended processes: the focus lies on their practices, and how they are entangled in distinctive ways in relation to different social groups, vis-à-vis gender, age and ethnicity/race/citizenship, and across time and space.

Link: https://www.aup.nl/en/series/social-history-of-punishment-and-labour-coercion

WORCK Conference 3: Historicising Coercive Social Processes

5–7 September 2023: Prague, Czech Republic

Local Host: Jakub Štofaník, Masaryk Institute and Archives of the Czech Academy of Sciences, Prague

Call for Papers

You are invited to submit your paper to the conference “Historicising Coercive Social Processes”, the capstone event of COST action project WORCK (Worlds of Related Coercion in Work) funded by the Horizon Europe programme of the European Union. The conference will take place at the Faculty of Arts of Charles University in Prague on 5–7 September 2023.

Concept

Legal philosopher Alan Wertheimer wrote that “our understanding of coercion underlies… our view of various social practices”. The opposite also holds true: Researching social relations in a given historical context is essential for understanding how coercion underpins the organisation of production, the administration of punishment, and interpersonal relations in conditions of power asymmetry. In turn, social practices can only be understood within processes such as valorisation, im/mobilisation, and punishment that converge to create the historical dimension within which we understand those practices.

Moving on beyond a research agenda that seeks to posit a dichotomy between free and unfree labour or design a spectrum of scalar shades of coercion between the opposite poles of freedom and unfreedom, the WORCK network has attempted to understand how practices and processes of labour coercion can illuminate social practices (and vice versa) at specific historical junctures and in various geographical settings.

The final conference seeks to bring together scholars conducting empirical research on such practices and processes, as well as on the perspectives of historical actors and how they were entangled in social asymmetries. We welcome submissions from participants at any stage of their career, including doctoral students and independent scholars. Our aim is to attract researchers from the entire spectrum of social sciences and humanities who study labour coercion with historical perspectives in a variety of disciplines.

We are open to any contribution addressing the history of coercive social processes, including but not limited to:

  • Remuneration, valorisation, indebtedness
  • Violence, retribution, chastisement
  • Punishment and labour relations
  • Entangled spaces, coercive network
  • Conceptualising coercion: Methods and ontologies
  • Conflict, negotiation, autonomy
  • Paternalism in the household and on the shop floor
  • Environment, work, and coercion

Regimi punitivi e sistemi politici:il fascismo italiano tra rotture e continuità

Si segnala il convegno internazionale di studi:

Regimi punitivi e sistemi politici: il fascismo italiano tra rotture e continuità
Università degli studi Roma Tre
Dipartimento di Studi Umanistici
25-26 novembre 2022

Programma
Venerdì 25 novembre 2022
Mattina: 10h00. Apertura dei lavori. Saluti istituzionali

  • ANPPIA Nazionale.
  • Manfredi Merluzzi, Direttore Dipartimento Studi Umanistici – Roma Tre.
  • Marco Ruotolo, Direttore European Penological Center – Roma Tre.

10h30-12h15 Prima sessione:

  • Punitive regimes and political regimes in the European and colonial world
    Discussant: Andrea Brazzoduro
    Zhanna Popova
    Revolutionary utopias and dystopias: Forced labour of convicts and the making of the Soviet man, 1923-1929.
    Christian G. De Vito
    Legacies of empire, practices of dictatorship. Militarism and punitive regimes in the Spanish monarchy (1870s-1975).
    Francesca Di Pasquale
    Colonization, human reclamation and punitive labour. Agricultural penal colonies in Southern Italy and in Libya during the Fascist Regime.

Pomeriggio: 14h30- 16h15 Seconda sessione:

  • Regimi punitivi nelle transizioni tra sistemi politici
    Discussant: Chiara Lucrezio Monticelli
    Claudio Sarzotti
    Il carcere di Saluzzo durante il Ventennio fascista tra svolta repressiva e detenzione politica.
    Giovanni Brunetti
    L’ossessione per l’ordine. La genesi delle commissioni per il confino degli ex fascisti e le “Sanzioni contro il fascismo” (1944-1946).
    Marco Mondini, Michela Ponzani
    Credere, obbedire, sorvegliare, punire. Il “nemico interno” e l’eredità delle leggi eccezionali di guerra, dal fascismo alla Repubblica.

16h30- 18h15 Terza Sessione:

  • L’esperienza della punizione
    Discussant: Anthony Santilli
    Giuseppe Ferraro
    I confinati del duce. Storie dei deportati etiopi in Italia.
    Giuseppe Lorentini
    L’“Internatitis” di Mikuletič come paradigma dell’esperienza di internamento nei campi fascisti (1941-1943).
    Jacopo Pavanetto
    La carcerazione politica a Regina Coeli e a Santo Stefano: alcune voci di antifascisti.

Sabato 26 novembre 2022

Mattina: 09h30-11h15 Quarta Sessione:

  • Guerra mondiale e regimi punitivi
    Discussant: Claudio Natoli
    Michelangelo Borri
    Dall’altra parte della recinzione. L’internamento italiano in Germania attraverso le relazioni della Croce Rossa di Salò.
    Costantino Di Sante
    Dannosi per lo Stato fascista. Internati e confinati politici nelle colonie italiane durante la Seconda guerra mondiale.
    Giovanni Villari
    La repressione del dissenso nel contesto albanese.
    Giacomo Massimiliano Desiante
    Il censimento degli sloveni alle Tremiti: dall’internamento ai campi di addestramento partigiani.


11h30-13h15 Quinta sessione:

  • Costruire regimi punitivi, categorizzare i reclusi
    Discussant: Lorenzo Benadusi
    Ernesto De Cristofaro
    La scienza e le pratiche realizzazioni. Il fascismo e la scuola positiva di antropologia criminale.
    Matteo Pasetti
    Il modello punitivo fascista contro i “paradisi artificiali”.
    Manoela Patti
    L’antimafia del fascismo. Pratiche repressive e ridefinizione del “paradigma mafioso” tra aule di tribunale e colonie di confino (1925-1938).

15h00-16h00 Note conclusive e tavola rotonda