Carceri a Bologna in Età napoleonica

Si segnala la pubblicazione dell’articolo di  Maria Romana Caforio, Carceri a Bologna in Età napoleonica, in «Storia Urbana: rivista di studi sulle trasformazioni della città e del territorio in età moderna», n. 152/153, 2016, pp. 37-57.

Abstract:

L’arrivo dei francesi a Bologna, nel giugno del 1796, comportò l’avvio di un processo di ammodernamento delle istituzioni di giustizia e di polizia che per secoli avevano regolato la vita cittadina. Incisivi interventi riguardarono anche la rete reclusiva esistente, realizzata tra Sei e Settecento, inclusa all’interno del progetto di rinnovamento delle strutture statuali promosso dal nuovo governo. Il tema, sinora rimasto ai margini del dibattito storiografico, costituisce l’oggetto del presente contributo. Esso si propone di indagare in un’ottica comparativa i capisaldi teorici e i risultati della politica carceraria messa a punto nella città dalle autorità napoleoniche nell’arco di un quindicennio. L’analisi di un’eterogenea documentazione archivistica ha permesso di appurare come, a Bologna, la sostituzione dei vecchi luoghi d’internamento con stabilimenti deputati a specifiche categorie di trasgressori fu dettata non solo da un nuovo modo di intendere i rapporti tra Stato, legge e comunità, ma anche da precise esigenze di un più stretto controllo sociale e di uniformità amministrativa. Parti integranti di un sistema penitenziario esteso a tutti i territori della penisola, le prigioni cittadine furono organizzate secondo un modello centralizzato e teso allo sfruttamento del lavoro coatto, destinato da un lato al fallimento e dall’altro a essere rivisitato negli anni successivi alla Restaurazione pontificia, nel contesto di un programma di rinnovamento degli organismi preposti alla tutela sociale e privata.

The French conquest of Bologna, in June 1796, inaugurated a modernization of the judiciary, and of the police institutions that regulated civic life for centuries. In renovating State structures, the new government also acted upon the network of prisons that was already in place, which had been organized throughout the 1600s and 1700s. This subject, which has remained at the margins of scholarly debate so far, stands at the core of this essay. The essay aims at investigating, in a comparative perspective, the theory and practice of prison policies as they were planned and enforced by the Napoleonic authorities in the course of fifteen years. The analysis of a very diverse group of archival materials makes it possible to establish that, in Bologna, traditional sites of internment were substituted with new ones, thought to host specific categories of lawbreakers. I argue that this was not dictated only by a new understanding of the relation between State, law and community, but also by a distinct need for increased social control and administrative uniformity. Civic prisons were the building blocks of a prison system that was extended to Napoleonic Italy in its entirety. They functioned following a centralized model, with the objective of exploiting bonded labour. On the one hand, the model failed. On the other hand, however, after Bologna’s return under Papal rule, it inspired new programmes of private and social protection.

Link al sito dell’editore della rivista: https://www.francoangeli.it/Riviste/SchedaRivista.aspx?IDArticolo=59206&Tipo=Articolo%20PDF&idRivista=58


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.